Filtrare la Merce del Magazzino in Calus

Con l’uscita della versione 1.3.1 di Calus abbiamo introdotto il filtro della merce di magazzino per matricola, descrizione e categoria. Il funzionamento è semplicissimo, però potrebbero esserci alcuni che non conoscono questo modo di lavorare ed allora è stato scritto questo articolo.
Per chi lavora con centinaia di articoli di magazzino poter filtrare questi dati è estremamente importante, perché si focalizza l’attenzione su un numero ristretto di materiali. In Calus abbiamo inserito la possibilità di filtrare gli articoli di magazzino per matricola, descrizione e categoria. Ad esempio vorremmo poter visualizzare e quindi stampare soltanto la frutta, che avremo preventivamente inserito nella sua categoria specifica. Allora basta fare clic sul pulsante a forma di imbuto per aprire la finestra che consente l’immissione di questi tre dati. Nell’ultimo campo basta inserire “Frutta” e premere il pulsante “Filtra”, magicamente avremo soltanto la categoria “Frutta” visibile nella lista, a questo punto potremmo stampare o compiere altre attività sui dati filtrati.
Per concludere soltanto due nozioni tecniche:

  1. Il carattere jolly in Calus è “*” ( come del resto in tutti gli altri nostri gestionali ) e questo significa che da questo punto in avanti va bene tutto. Per esempio possiamo filtrare tutta la merce che inizia con la lettera “A” immettendo soltanto questa vocale in quanto il programma automaticamente inserisce un asterisco ( carattere jolly ) al termine della parola cercata. Altro uso del carattere jolly è la ricerca di quei materiali che iniziano per “D” e finiscono per “A”, basta inserire “D*A” come termine di ricerca ed il gioco è fatto.
  2. Tra i vari campi di ricerca esiste un “and logico“, ossia verranno cercate prima le matricole, poi le descrizioni e poi le categorie escludendo tutto il resto. Ad esempio  posso filtrare tutti gli articoli che iniziano per “D” e finiscono per “A”, come abbiamo visto prima, all’interno delle categorie.

Alcune di queste tecniche sono abbastanza complicate, ma una volta capito il meccanismo è molto potente poterci lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *