Gestire gli Utenti in Calus

Ci è stato chiesto più volte se fosse possibile inserire una gestione degli utenti all'interno del nostro software gratuito per il magazzino Calus, in modo da poter decidere chi può modificare o chi può solo leggere, vediamo come fare questa operazione direttamente nell'archivio dati.

In tutti i nostri software la gestione degli utenti è sempre a carico del database e mai del programma, questo perché è sempre meglio avere due strati differenziati piuttosto che uno soltanto. Come potete scoprire nel programma è possibile utilizzare vari provider dati, questo perché abbiamo lasciato la configurazione dell’origine dati aperta, direttamente con la finestra di configurazione del consumer OleDB. Ad esempio è possibile connettere decine di postazioni ad un server centrale come SQL Server di Microsoft o Oracle oppure ancora MySQL su Windows o Linux, l’importante è avere i driver OleDB registrati nel sistema dove viene eseguito Calus ( tra poco rilasceremo insieme a tutti i nostri software un driver OleDB per MySQL scritto interamente da noi in ATL ).

Connessione dati in Calus Plus

Connessione dati in Calus

Per quanto riguarda le impostazioni di lettura e scrittura degli utenti, tutto è a carico del server, quindi è lì che occorre impostare questi privilegi, il programma dal canto suo darà un errore se qualcuno che accede in sola lettura vorrà modificare i dati di una tabella. Per fare la stessa cosa anche con un file di Access condiviso in rete ( consigliato soltanto per alcuni utilizzatori e per archivi piccoli ) occorre configurare un file di sistema, il tutto è spiegato in questo interessante articolo sulla sicurezza dei database Access.
Ovviamente tutto questo lavoro può essere svolto da persone che ne capiscono un poco di amministrazione di server dati, quindi il nostro consiglio è di rivolgersi ad un consulente informatico che vi possa aiutare in questo lavoro.


Info su Giampaolo Rossi

Sviluppatore software da oltre 18 anni
Questa voce è stata pubblicata in Calus. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *